ForzaPalermoSempre

113 anni di storia, due colori, un' unica grande passione

SCONFITTA AL “BARBERA” PALERMO-EMPOLI 1-2

Una serata decisamente “no”. Il Palermo lotta, corre, ci prova: ma esce sconfitto nella prima casalinga in campionato. L’Empoli si impone grazie alle reti di Tavano e Maccarone. A nulla vale la rete del momentaneo pari di Hernandez. Per un’ora i rosanero hanno giocato in inferiorità numerica a causa dell’espulsione al 27′ di Ngoyi.

Gattuso cambia modulo rispetto alla sfida di Modena, passando al 4-3-1-2: è Dybala ad agire da trequartista con Lafferty ed Hernandez in attacco. Stesso modulo per Sarri con il tandem Tavano-Maccarone innescato da Verdi.

Due conclusioni al volo, una per parte, nel primo quarto d’ora: la più pericolosa è quella di Verdi, al 4′, che finisce di poco sopra la traversa (su cross di Moro). Sette minuti più tardi è invece Hernandez, capitano di giornata, a mandare alto il pallone.

L’Empoli passa in vantaggio al 15′. Verdi serve in diagonale Tavano, che salta un avversario e batte di destro Sorrentino. E’ il momento più difficile del primo tempo rosanero, con il numero 1 costretto ad un miracolo al 22′ su un corner dalla destra deviato da un difensore della squadra di Gattuso. E non è finita: perché al 27′ Ngoyi viene espulso dall’arbitro Gavillucci per un ingenuo fallo sulla sinistra su Croce che gli costa il secondo giallo.

Lo sconforto del “Barbera” dura però solo tre minuti. Splendida palla in profondità di Dybala per Hernandez che pareggia i conti superando Bassi in uscita disperata. Dopo la rete dell’1-1 Gattuso sistema l’assetto tattico, inserendo Struna per Lafferty e giocando senza trequartista.

Sulle ali dell’entusiasmo, complice il gran tifo del “Barbera”, il Palermo continua ad attaccare nonostante l’uomo in meno. Dybala ed Hernandez mettono a ferro e fuoco la difesa azzurra. L’argentino cerca il numero 11 con un cross dalla destra, ma Abel non trova la deviazione vincente. Poi è Paulo a tentare la conclusione con un sinistro a giro di poco alto. Hernandez prova anche a costruirsi due chance nel finale di tempo. L’uruguaiano prima si invola sulla sinistra, poi conclude in mischia: in entrambi i casi Tonelli stoppa le sue iniziative.

La ripresa si apre senza cambi. Il primo tiro verso la porta è di Dybala, al 2′: un suo inusuale destro viene bloccato in due tempi da Bassi. E’ quindi Hernandez a sfiorare in mischia la doppietta personale. Il suo sinistro centra in pieno un difensore empolese. Il numero 11 prova a trasformarsi in uomo assist all’8′: bellissima triangolazione tra Abel e Morganella, che da ottima posizione centra però l’esterno della rete, dando l’illusione del gol a tutto il “Barbera”.

Purtroppo è una serata no. Al 23′, su corner dalla sinistra, l’ex Maccarone punisce la squadra di Gattuso con un colpo di testa che sorprende Sorrentino. E’ una mazzata per i rosanero, che provano a reagire subito con un tiro dell’appena entrato Di Gennaro, che manda di poco alto dai venti metri. La stanchezza per aver giocato un’ora in inferiorità numerica esplode però nel finale. Il Palermo non riesce a rialzare la testa e chiude la prima stagionale al “Barbera” con una sconfitta: i rosanero restano a quota 1 in classifica.

palermocalcio.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 settembre 2013 da con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: