ForzaPalermoSempre

113 anni di storia, due colori, un' unica grande passione

PALERMO-HELLAS VERONA 1-2

PALERMO-HELLAS VERONA 1-2

L’avventura in coppa si chiude subito, con tanto rammarico per l’episodio sfortunato che ha deciso l’incontro. Il Palermo esce dalla Tim Cup perdendo 2-1 in casa con l’Hellas Verona. All’iniziale vantaggio firmato da Giorgi risponde dopo sessanta secondi Cocco: ad un quarto d’ora dalla fine un errato rinvio di Labrin centra Cacia, che involontariamente insacca il gol della vittoria per la sua squadra, rimasta in dieci uomini.

Gasperini decide di dare spazio a molti giocatori finora impiegati con meno continuità. Nel consueto 3-4-2-1 i tre giocatori offensivi sono Giorgi, Zahavi e Budan. 4-4-1-1, invece, per la formazione di Mandorlini, con Bojinov leggermente più arretrato rispetto a Cocco.

Basta un minuto per vedere entrambe le reti dei primi 45′. Al 7′, alla prima azione pericolosa i rosanero vanno sull’1-0. Zahavi serve Giorgi (bravo Budan a lasciare il pallone all’esterno) all’altezza del limite dell’area: il numero 17 controlla e batte di destro Rafael. Sessanta secondi dopo sono i gialloblù ad esultare. Errato disimpegno della difesa rosanero, Rivas interviene sul rinvio di Benussi e serve Cocco che si libera di Cetto e con una potente e angolata conclusione pareggia i conti.

Dopo l’immediato pari il Palermo torna a fare la partita, con i veneti pronti a ripartire non appena se ne presenta l’occasione. Donati e Barreto ci provano dalla distanza, ma non trovano lo specchio: molto pericolosa però al 21′ la conclusione del numero 23, di poco a lato. Il Verona punge con Bojinov e Cocco, che spreca una buona chance su lancio di Halfredsson tirando debolmente. Una punizione di Barreto ed un errato aggancio di Pisano da ottima posizione non mutano il risultato. Il paraguaiano ha sul piede destro una buona chance al 43′ ma il suo tentativo da fuori area finisce per pochi centimetri sul fondo.

La ripresa si apre con due cambi che modificano gli assetti delle due squadre. Garcia rileva Milanovic e si piazza sulla fascia sinistra, mentre Labrin scala in difesa posizionandosi sulla destra. Con l’ingresso di Fatic per Rivas il Verona passa ad un più usuale 4-3-3, con Carrozza e Bojinov esterni e Cacia punta centrale.

Le prime due occasioni sono per Budan. Al 7′ il croato manda fuori da ottima posizione, colpendo male su servizio di Zahavi. Due minuti più tardi il numero 19 conclude a lato di sinistro dai venti metri. Al quarto d’ora episodio dubbio in area veneta: Pisano finisce a terra sulla destra a causa di una spinta di Carrozza, per Peruzzo si può proseguire. Il Palermo cerca con insistenza la rete del nuovo vantaggio. Rafael si supera al 20′ su un colpo di testa di Giorgi, bravo ad anticipare Abbate sul traversone di Zahavi. L’israeliano ci prova due minuti più tardi con un diagonale bloccato in due tempi dal portiere brasiliano.

Al 23′ la partita sembra volgersi nel migliore dei modi per la squadra di Gasperini: Cacciatore, ammonito per un fallo su Giorgi, pronuncia una parola di troppo nei confronti dell’arbitro Peruzzo che estrae il rosso diretto. Gasperini inserisce Brienza per Pisano per aumentare la spinta offensiva, ma un’incredibile beffa è dietro l’angolo. Su un contropiede dei gialloblù, Cacia manca l’impatto con un cross rasoterra dalla destra. Labrin, lanciato in scivolata, colpisce male il pallone che centra l’attaccante veronese: la sfera finisce incredibilmente in rete.

Tramortito dal gol inaspettato, il Palermo rischia addirittura di subire il 3-1 con Albertazzi, che calcia alle stelle da ottima posizione. L’episodio sblocca i rosanero, che si lanciano verso il forcing finale. Viola ha la possibilità di battere a rete di testa su un suggerimento dalla destra. Il numero 7 preferisce però il suggerimento per Dybala, che non arriva sul pallone. Poi gli uomini di Gasperini continuano ad attaccare, ma con scarsa lucidità: al 91′ Rafael salva però il risultato su un diagonale ravvicinato di Dybala, vicino alla rete anche pochi secondi dopo con un sinistro a giro di poco largo. Il Palermo esce dalla Tim Cup: adesso bisogna concentrarsi esclusivamente sul campionato, a cominciare dalla trasferta di San Siro contro l’Inter.

palermocalcio.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: